.
Annunci online

 
AGORApopolare 
la piazza dei cattolici democratici. Popolari per convinzione!
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Popolari di Moncalieri
benecomune.net
PiuVoce.it
Osservatorio cardinal Van Thuan
Alcide De Gasperi
Istituto Sturzo
AGORApopolare su ifatti.com
AGORApopoalre su lamianotizia
AGORApopolare su polisblog
I comunicati stampa popolari
le foto di AGORApopolare su flickr
AGORApopolare su Myspace
AGORApopolare su postanotizie
Agora popolare su OKnotizie.alice
AGORApopolare su Technorati
AGORApopolare su fainformazione
AGORApopolare su ZicZac
AGORApopolare su diggita
blog cattolici
rassegna stampa camera dei deputati
  cerca

Popolari di Moncalieri

Promuovi anche tu la tua Pagina Moncalieri città per la Famiglia

Promuovi anche tu la tua Pagina


 

Diario | il pinguino | comunicati | appuntamenti | popolarismo | varie dalla rete | contatti | dai territori | organizzazione e deliberazioni |
 
Diario
1visite.

2 gennaio 2013

ITALIA CIVICA E POPOLARE: 2007, 2012, I NOSTRI SIMBOLI VERSO IL FUTURO

Da sempre abbiamo voluti rappresentare quei cattolici democratici che, consci del valore dell'identità e della coerenza, hanno voluto resistere sulle barricate delle periferie perché la tradizione del popolarismo e l'esempio dei cattolici democratici non morisse a causa dell'afonia o si disperdesse senza speranza. Oggi è tempo di mettere a disposizione generosamente una presenza, una storia, delle buone idee per il bene comune. Rappresentiamo una presenza civica qualificata perché radicata in una tradizione legata ai territori, questo è il valore aggiunto dei popolari "coraggiosi" che hanno saputo non confondersi con le troppo "scialuppe di salvataggio" che ieri come oggi vengono gettare nel mare della politica senza prospettive solo per garantire personalismi. Noi abbiamo adottato un'idea, siamo partiti popolari e non siamo tornati indietro e questo è garanzia di incontro, confronto, elaborazione, azione.






SIMBOLO DEI POPOLARI ELEZIONI AMMINISTRATIVE DI MONCALIERI 2007 per rappresentare la nostra aspirazione municipalista, il nostro impegno per le autonomie locali!!!











SIMBOLO DELLE LISTE POPOLARI PRESENTATO IN DIVERSE ELEZIONI AMMINISTRATIVE TRA IL 2008 E IL 2010 TRA PIEMONTE E CAMPANIA per marcare con forza una coerente presenza popolare e riformista!!!





Il gonfalone è registrato presso il Ministero dell'Industria come marchio tutelato, tutela che è rafforzata dal suo uso elettorale!!!
Cfr. www.popolarimoncalieri.webslab.net


4 marzo 2009

Alberto Monticone: intervento all'assemblea costitutiva dell'INTESA CIVICA POPOLARE

Roma, 28 febbraio

Quando nel 2003, ad un anno dallo scioglimento del PPI e dalla sua confluenza nella Margherita, insieme con Gerardo Bianco e Lino Duilio costituimmo il movimento “ Italia Popolare”, nutrivamo il desiderio di mantenere presente e viva una espressione politica, autonoma del cattolicesimo democratico e popolare, ripartendo per così dire dal basso, dal territorio, dalla città, per una via della quale ancora non scorgevamo la meta né avevamo la pretesa di saperlo fare. Eravamo preoccupati non tanto della fine di una formula partitica, quanto piuttosto dell’abbandono di un patrimonio di pensiero e di valori e del possibile inaridimento di un sentire e di una azione collettiva che avevano sperimentato successi e sconfitte, un patrimonio che aveva prodotto in forme diverse nel tempo e nel tipo e comunque autentiche e non esclusive, l’impegno civile tendenzialmente unitario di molti cattolici italiani. Non pareva infatti sufficiente, per una rifioritura avvenire secondo l’originalità delle nuove generazioni, conservare una cultura cui attingere senza offrire nel contempo gli strumenti politici che consentissero di far fruttare quella ricchezza rigenerandola nel tempo.

I primi passi di Italia Popolare furono incoraggianti, soprattutto perché si potè constatare quanto fosse diffusa nell’area cattolico democratica in ogni realtà territoriale del Paese l’attesa di una forma nuova di partecipazione e di rappresentanza, che da un lato rinnovasse in modernità di stile e di risposta alle esigenze del bene comune la vitalità della ispirazione cristiana nella laicità della politica, dall’altro si svincolasse dal crescente forzato bipolarismo, strettamente correlato alla guida carismatica di pochi capi. Alcuni di noi, ancora eletti in Parlamento come popolari nelle liste dell’Ulivo, rimasero ovviamente fedeli al mandato ricevuto e parteciparono all’attività dei gruppi parlamentari, anche quando questi furono costituiti come Margherita, ma percepirono che in quel partito si andava procedendo verso un nuovo approdo, il Partito Democratico, con una accentuazione tanto del bipolarismo quanto della personalizzazione della guida. E in effetti la nascita della nuova struttura partitica nel biennio di governo del centrosinistra tra il 2006 e il 2008, portò ad un ulteriore passo verso il bipartitismo verticistico e purtroppo anche ad un maggiore distacco tra la classe politica, chiusa nella presunta più efficace dialettica tra maggioranza ed opposizione, e la cittadinanza, chiamata a sanzionarne le scelte con il “voto utile”, quasi che le piccole minoranze non siano più utili alla democrazia, all’uguaglianza e alla libertà e non contribuiscano ad interpretare pienamente il Paese, e in modo specifico le diverse minoranze e gli “ultimi” della società e della politica.

Credo sia doveroso e giusto avere il più sincero rispetto degli ideali e dell’azione di quanti, pur nella diversità delle provenienze culturali e politiche, e per noi in modo speciale di coloro che militano da laici cristiani nel PD, tanto più in questo momento cruciale per quel partito, ma non si può non constatare che una politica riformista non può prescindere da una libera pluralità della rappresentanza e da un costante riferimento alla complessità e molteplicità del sentire dei cittadini, senza pericolose e inadatte semplificazioni, soprattutto se compiute in strutture di fatto centralizzatrici. Si aggiunga che, per tutti ma specialmente per i laici cristiani, è difficilmente praticabile un progetto politico, che debba continuamente cercare la mediazione su problemi fondamentali non per la fede ma per la concezione dell’uomo o addirittura di tenerli accantonati e riservati alla libertà di coscienza.

IP nei cinque anni del suo operare ha incontrato ed ascoltato molte realtà vive e ha partecipato a competizioni elettorali amministrative da sola o con formule civiche rispondenti alle diverse situazioni locali, ma sempre rigorosamente coerenti con la sua scelta costituzionale e democratica, con l’ispirazione cristiana e con gli orientamenti del magistero della Chiesa, ottenendo in non pochi casi propri rappresentanti specialmente giovani. La sua azione però non si è limitata ai momenti elettorali locali, si è invece ampliamente sviluppata intorno ai temi nodali della politica nazionale ed internazionale, incontrando difficoltà a mettere nel grande circuito mediatico idee, proposte ed attese, ma con la libertà, l’equilibrio e l’ardire di chi non è indotto a cercare mediazioni riduttive e solitarie o talora compromessi, ovvero ad invocare ripetutamente il diritto all’obiezione di coscienza: solo così si è in grado infatti di tendere ad una alta mediazione civile, quale appunto può esercitarsi non da singoli ma in un movimento coeso e coerente.

Ma, come ben è evidente dagli eventi degli ultimi anni, la politica italiana ha subito radicali trasformazioni, anzitutto nel metodo di governo a tutti i livelli e nei rapporti tra i cittadini e le loro rappresentanze, mentre si è affievolito in essa lo spirito della Carta costituzionale , una sorta di secolarizzazione dai valori stessi della democrazia. Il governo di legislatura di centro-destra, guidato dall’on. Berlusconi con spiccati caratteri personalistici e populistici, non del tutto estranei agli stessi oppositori, ha accentuato la tendenza al bipolarismo forzoso, alla concentrazione del potere nei partiti e nei loro capi, alla politica come grazia che scende dall’alto per gradi selettivi, alla scelta degli interessi forti, alla giustizia sociale come beneficenza.

Non sono bastati né la resistenza di gran parte delle amministrazioni regionali, provinciali e comunali, di pur diverso colore, a correggere la verticalizzazione e l’accentramento dei poteri, né l’impegno delle opposizioni, profuso su singoli rilevanti aspetti dei problemi sociali ma non adeguato a far fronte alla strategia complessiva del governo di centro destra, che in singoli ambiti e con accorta propaganda si guadagnava il consenso di un elettorato che faticava a scorgere, nello stile e nel metodo del centro-sinistra, una vera alternativa. E’ vero che la riforma costituzionale del centro-destra venne bocciata nel referendum del 2006 dopo la risicata vittoria del centro-sinistra e tuttavia proprio nella politica istituzionale e dei rapporti tra cittadini e rappresentanze la maggioranza di centro-sinistra, che pur avviava alcune importanti riforme in ambito interno ed internazionale, non si discostava nettamente dal modello dei suoi avversari. Il Paese si sentì estraneo ad una competizione che non lasciava scorgere una profonda diversità di metodo, che si esercitava tra gruppi dirigenti ristretti, che richiedeva di stare da una parte o dall’altra senza badare troppo alla pluralità dei convincimenti, che si avvaleva della specularità di un bipartitismo strisciante, che puntava al voto “utile” emarginando o assorbendo le minoranze. La crisi del governo Prodi non venne tanto per responsabilità di qualcuno: fu soprattutto conseguenza della mancata vera alternativa che potremmo chiamare civica, nel senso di recepire, interpretare e guidare le istanze dei cittadini, e che non si limitasse a racchiuderle in contenitori predisposti ovvero a chiedere l’assenso ad un programma offerto dal centro. Così vinse, non solo in maniera vistosa le elezioni politiche ma anche in alcune regioni e amministrazioni, chi aveva più abilità di presentarsi come l’uomo forte, guida di un movimento coeso e obbediente, capace di mettere a posto le cose per conto di tutti.

In una situazione nella quale la partecipazione politica è costretta a ridursi alla opzione di stare di qua o di là, non in coalizioni o schieramenti compositi ma in strutture di tipo partitico, e la rappresentanza viene scelta dai capi dei partiti senza una valutazione delle idee e delle persone da parte degli elettori, chi ha forti convincimenti ideali e valoriali non ha vera libertà di espressione.

Per i cattolici la situazione si è fatta molto difficile, proprio se non intendono essere clericali e se non vogliono né acconsentire ad un uso strumentale della religione da una parte né dall’altra ridursi a dissenso personale di coscienza su temi dirimenti nella visione dell’uomo, della persona e della comunità, secondo l’etica cristiana e i principi della Costituzione. Essere cittadini, da laici cristiani, è sempre stata una sfida per i singoli e per i gruppi, ma oggi essa è divenuta particolarmente gravosa e difficile per il rarefarsi dei luoghi di aggregazione politica con ispirazione cristiana e per il venir meno di formazione comunitaria alla cittadinanza, che porti alla assimilazione del magistero sociale della Chiesa da parte dei laici e consenta loro di tradurlo responsabilmente in azione che eviti il coinvolgimento della Chiesa stessa. Anche nel nostro Paese, e non solo per recentissime drammatiche e dolorose vicende circa la fine della vita, i rapporti tra la scienza e la visione dell’uomo, tra gli strumenti disponibili e i criteri della loro applicazione, tra l’etica personale e l’ethos civile sono entrati con forza nella politica e non possono più essere lasciati solo alle decisioni personali né demandati a valutazioni di maggioranze di partito né ovviamente a sondaggi di opinioni, che non sono ancora politica.

Oggi non è più il tempo di scrutare se vi sia uno spazio nella geografia partitica per un movimento o gruppo politico, che abbia le radici del suo impegno civile nella ispirazione e nella laicità cristiane, è piuttosto il momento cruciale nel quale interrogarsi da cattolici sul come servire il Paese per il bene comune, da una sponda per il tutto, non come individui ma in solidarietà di principi e in amichevole intesa di scelte civili. Lo sguardo dalla condizione pubblica della cittadinanza deve tornare dunque su ciascuno e su quanti già sono insieme in movimento. Il sestante della politica dei cristiani nel nostro Paese va quindi orientato a fare il punto interiore per spingersi in avanti, non per ripiegarsi sulle certezze del porto dal quale si proviene; per inventare una rotta originale al di là di schemi prefissati o cogenti; per puntare ad un approdo sicuro dal profilo caro alle speranze e agli ideali, non definito in patteggiamenti o sottaciuto; per portare la propria merce solida come contributo tra gli altri alla possibile felicità della comunità che amiamo.

Italia Popolare pertanto, conclusa una prima tappa del suo percorso, consapevole dei mutamenti della situazione del Paese e delle attese dei cittadini, nonché delle proprie inadeguatezze nel passato, eppure fedele alla sua origine e al suo disegno di servizio, si rimette in cammino in un insieme più vasto, non solo per varietà di gruppi, di persone e di iniziative, ma di motivazioni, di esperienze e di ideali, in totale coerenza con il proprio metodo di riferimento radicale alla città e al territorio e di amicizia cristiana e civile. Non sappiamo quando vedremo da vicino l’approdo – un movimento politico originale nel quale i cattolici italiani, se vogliono, possano riconoscersi ed operare insieme con libertà e responsabilità ad ogni livello – e qualcuno di noi, più di altri, può ritenere che quel momento non sarà forse per lui, ma a maggior ragione ci affrettiamo a sciogliere le vele. Più che una volontà, è per noi un dovere.

25 febbraio 2009

Nascerà nei prossimi giorni a Roma INTESA CIVICA POPOLARE

 

  • Scritto da Gabriele Darpetti, 18 febbraio 2009 http://www.benecomune.it/2009/02/18/nascera-nei-prossimi-giorni-a-roma-intesa-civica-popolare/

  • Bene Comune guarda già da alcuni mesi a questa esperienza denominata INCIPIT (l’acronimo di Intesa Civica Popolare Italiana) che riunisce alcuni movimenti, associazioni, liste civiche, sparse in tutto il territorio nazionale che hanno due caratteristiche fondamentali: nascono dal basso e fanno riferimento ai princìpi della Dottrina Sociale della Chiesa. Dopo aver partecipato all’incontro di Livorno, ed aver trovato assoluta consonanza di idee e di metodi di lavoro rispetto al percorso fatto negli ultimi cinque anni da Bene Comune, oggi siamo lieti di annunciare che questa esperienza “debutta” ufficialmente sulla scena nazionale, e che ad essa daremo, d’ora in poi, il nostro contributo per tessere una rete che possa realmente “ricostruire” la politica verso una logica di servizio al bene comune.... (di seguito il comunicato nazionale)

    25 febbraio 2009

    Da Sassari a Roma: Padre Bartolomeo Sorge inaugura INCIPIT.

     

    di Luigi Coppola pubblicato su AGORAVOX, http://www.agoravox.it/Da-Sassari-a-Roma-Padre-Bartolomeo.html


    “Per una nuova speranza in politica: valori, programmi e persone al servizio del Paese”
    .
     
    Così recita il sottotitolo dell’assemblea costitutiva di Intesa Civica Popolare (INCIPIT). Il nuovo movimento politico riunisce cittadini e culture del popolarismo, ispirate alla Carta Costituzionale e alla Dottrina Sociale della Chiesa e annovera Padre Bartolomeo Sorge, suo leader ispiratore. Il politologo gesuita, già direttore di Civiltà Cattolica, attuale direttore del bimestrale Aggiornamenti Sociali, presenzierà il battesimo della neonata associazione. Che avverrà ufficialmente con le assise del prossimo sabato 28 febbraio, presso l’Auditorium CISL a Roma. A dispetto delle apparenze, l’evento romano non riguarda l’avvio dell’ennesimo partitino asservito alle direttive d’oltre Tevere, nè uno dei vari esperimenti in atto, inclusivi le sempre vive pulsioni “cattoliche” post DC. 
     
    Con gli ultimi incontri e seminari dello scorso anno in tutta la Penisola (a Sassari, il 15 dicembre alla camera di commercio), padre Sorge ha chiarito l’esigenza di un nuovo impegno dei cattolici in politica. Nell’idea è richiesta un’azione partendo dal basso, cioè dai comuni, con persone e risorse culturali, interessate al nuovo progetto.Il comitato promotore, che ha tenuto incontri anche a Torino, Livorno e Roma, è formato dalle rappresentanze dei movimenti a carattere nazionale “Italia Popolare” e “Area Popolare Democratica”, e dalle espressioni di reti civiche organizzate sul territorio, a partire dal Nordest.
     
    Con la sua presenza organizzata su base regionale e locale, Intesa Civica Popolare vuole sottolineare la necessità di un progetto concreto di buona politica al servizio del Paese, in una sintesi nazionale che deriva primariamente dal protagonismo e dalla valorizzazione delle varie realtà territoriali, a partire dai municipi, in un sistema di federazione e di rete capace di esprimere una effettiva rappresentanza politica e una rigenerazione dal basso della classe dirigente.
     
    Nell’ambito della fase preparatoria il comitato promotore ha affidato a Franco Mangialardi e Alberto Monticone la funzione di presidenti garanti della fase stessa, mentre è già al lavoro la commissione chiamata alla redazione dello statuto e del programma. Per l’incarico di coordinatorenazionale, è stato designato il consigliere regionale del Veneto Marco Zabotti, 45 anni, trevigiano,rappresentante a Venezia della Rete Civica Veneta, già impegnato con ruoli di responsabilità nell’associazionismo cattolico e nella pastorale della diocesi di Vittorio Veneto.
     
    Marco Zabotti sarà affiancato da un coordinamento nazionale formato da dieci componenti, espressione di qualificate realtà del mondo civico e popolare. A Sassari sono i G.I.P.S. (gruppo d’impegno politico sociale), già promotori del su citato seminario sassarese dello scorso dicembre, invitati alla costituente romana, a seguire con particolare interesse l’evolversi del nuovo movimento. I consolidati contatti tra l’associazione sassarese guidata da Nino Bagella e Mario Oppes ed il comitato promotore d’INCIPIT, potrebbero allargare gli orizzonti futuri del neonato soggetto. 

    20 febbraio 2009

    INTESA CIVICA POPOLARE: assemblea costitutiva. Programma

     

    INTESA CIVICA POPOLARE
    Assemblea costitutiva


    Per una nuova speranza in politica: valori, programmi e persone al servizio del Paese”

                        Roma, 28 febbraio 2009. Auditorium CISL, via Rieti. Ore 10,00- 16,30

    PROGRAMMA

    Ore 10,00 Apertura dei lavori e saluti

    Ore 10,15 Il senso di una Intesa per un rinnovato e originale servizio al Paese oggi.
    INTERVENTI DI: Franco Mangialardi e Alberto Monticone - presidenza del comitato promotore -

    Ore 10,45 Laicità cristiana e cittadinanza attiva: un tempo esigente e propizio
    INTERVENTO DI: Padre Bartolomeo Sorge

    Ore 11,15 Contributi per un programma e voci dal territorio

    Ore 12,00 Un progetto politico civico e popolare.
    INTERVENTO DI: Marco Zabotti - coordinatore del Comitato promotore -

    Ore 12,30-13,30 Dibattito

    Ore 13,30 Pausa

    Ore 14,10 - Presentazione del documento politico-programmatico del movimento. INTERVENTO DI:
    Alessandro Diotallevi

    Ore 14,30 Prosegue il dibattito: interventi di singoli e gruppi aperti ad una Intesa Civica Popolare

    Ore 16,00 Deliberazioni finali e conclusione

    Come raggiungere l'Auditorium:

    via Rieti 11 Roma

    • ·                                DALLA STAZIONE TERMINI: bus 86 per 4 fermate, scendere alla fermata Fiume e proseguire a piedi per 150 metri fino a Via Rieti
    • ·                                IN AUTO: Autostrada A1 FIRENZE-NAPOLI: Uscita Salaria, direzione centro fino a Piazza Fiume.
    • ·                                PARCHEGGI PUBBLICI: Via Mantova, Via Sicilia

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     


     

    sfoglia
    dicembre        settembre